Bibliografia II

L’avventura di un Fotografo, Italo Calvino
Solo quando hanno le foto sotto gli occhi sembrano prendere tangibile possesso della giornata trascorsa.

Il passo tra la realtà che ci appare bella e la realtà che ci appare bella in quanto è stata fotografata, è brevissimo

Voleva che nella sua foto si potessero riconoscere le immagini mezzo appallottolate e stracciate e nello stesso tempo si sentisse la loro irrealtà di ombre di inchiostro casuali, e nello stesso tempo ancora la loro concretezza di oggetti carichi di significato.

Per far entrare tutto questo in una fotografia occorreva conquistare un’abilità tecnica straordinaria, ma solo allora Antonino avrebbe potuto smettere di fotografare.